L’economia dopo il coronavirus

Il modello socio-economico globale sta per cambiare per sempre, ma non in meglio. Milioni di nuovi disoccupati, lavori che spariranno per sempre, uno stato liberticida di sorveglianza perenne e la rinuncia alla socialità, elemento fondante della comunità umana: è la shut-in economy. L’Italia poi, stretta nella morsa del vincolo neoliberista del debito, che non verrà abbandonato, e già prossima alla recessione, sarà il Paese che pagherà il prezzo più alto. La mia intervista a Franco Fracassi.    

Ecco cosa sta per succedere all’Italia

La mia intervista al giornale OltreTv, di Pietro Di Martino sugli effetti economici dell’emergenza coronavirus. Quali sono i lavoratori che in Italia accuseranno di più la crisi economica che ci sta per investire? Chi ha più possibilità di salvarsi? Chi riuscirà a guadagnarci? “Siamo di fronte a una crisi economica senza precedenti nella storia moderna. Credo che sia addirittura peggiore di una guerra, cui è stata paragonata. Durante i conflitti mondiali, infatti, esisteva comunque un’industria bellica a fare da traino. Oggi è

Leggi di più

Coronavirus, le falle dello “Stato di polizia anti-virale”

Condivido questo articolo dal sito AtlanticoQuotidiano del 16 marzo, che offre un’analisi lucida e ben articolata sulla strategia messa in atto in Italia per fronteggiare l’emergenza coronavirus e le alternative possibili.  Le falle dello “Stato di polizia anti-virale” in Italia e l’alternativa britannica   Di fronte all’emergenza coronavirus i vari Paesi europei stanno mettendo a punto, in questi giorni, la loro risposta. L’Italia ha avuto la sfortuna di essere l’apripista del contagio; gli altri Paesi hanno avuto l’opportunità di osservare

Leggi di più

Coronavirus e altre epidemie di un’economia iperglobalizzata

Ormai è psicosi coronavirus: media e giornali trasformati in bollettini di guerra, social network in cui gli utenti si trasformano in necrofili, virologi assurti a nuove pop star (per fortuna non tutti). I danni per l’economia italiana cominciano a farsi sentire violentemente: secondo la Confcommercio sono già stati bruciati in poche settimane 2 miliardi di euro di mancati consumi, con una perdita di 20 mila posti di lavoro. Sono le conseguenze di uno stato di panico diffuso tra la popolazione che può

Leggi di più

Site Footer