Il primo 11 settembre: il golpe cileno contro Salvator Allende

Come da diciotto anni a questa parte, oggi, 11 settembre 2019, commemoriamo tutti le innocenti vittime della sciagura delle Torri Gemelle, che, inutile ricordarlo, ha cambiato la vita dei cittadini di tutto il mondo, sprofondandoli in uno stato di terrore perenne, con cui si sta instaurando progressivamente una macabra convivenza. Ma qui vogliamo ricordare un altro anniversario, quello designato dal filosofo Noam Chomsky come “il primo 11 settembre”: il sanguinoso golpe di Pinochet in Cile, avvenuto nel 1973. Attraverso un

Leggi di più

Il neocolonialismo cinese in Africa

Con una politica apparentemente innocua ma fortemente competitiva, fatta di prestiti a tassi bassissimi con il fine di conquistare tutti i settori strategici e i ricchi giacimenti di risorse naturali, il Dragone cinese sta occupando l’intero continente africano. Forte di un passato che non presenta la macchia dell’imperialismo coloniale, la Cina può sperimentare e affinare indisturbata in Africa il proprio colonialismo di mercato, con il beneplacito della popolazione locale, che spera e si illude di trovare nei conquistatori cinesi dei

Leggi di più

Il neoliberismo in un grafico

Esattamente dopo la caduta del keynesismo (1973) e l’affermarsi incontrastato del neoliberismo, si arresta la crescita del reddito del 99% della popolazione più povera e inizia l’inarrestabile crescita dell’1% più ricco. Fino ad arrivare al paradosso di oggi, per cui otto persone detengono la ricchezza di metà della popolazione mondiale.  È questa l’essenza del modello economico neoliberista, oggi applicato su scala universale e incontestato, ritenuto la migliore e l’unica alternativa possibile, secondo la logica teocratica del TINA (there is no

Leggi di più

Zuppa di Porro in salsa neoliberista

Già il titolo del libro non lascia presagire bene: “La disuguaglianza fa bene” (La nave di Teseo, 2016). Già, proprio così! E a togliere ogni ragionevole dubbio che si tratti di una provocazione ci pensa il sottotitolo: “Manuale di sopravvivenza di un liberista”. L’autore? Il giornalista Nicola Porro. Più che un libro si tratta collage di testi di autori diversi che vanno da Ricossa a Einaudi passando per Friedman, tutti accomunati dall’appartenenza all’ideologia liberale. Già nell’uso che viene fatto del

Leggi di più

La verità sul debito italiano

Ma quando si è creato il fardello del debito pubblico italiano? Tutto parte nel 1981, in cui accade un evento epocale, che fa da spartiacque nella storia della sovranità economica italiana: il famoso divorzio tra Banca d’Italia e Tesoro. Con un atto quasi univoco, cioè una semplice missiva all’allora governatore della Banca d’Italia, Carlo Azeglio Ciampi, Andreatta mette fine alla possibilità del governo di finanziare monetariamente il proprio disavanzo. Rimuovendo l’obbligo allora vigente da parte di Palazzo Koch di acquistare i titoli di Stato emessi sul mercato primario, la Banca

Leggi di più

Vi presento il mio nuovo libro!

Dopo Neoliberismo e manipolazione di massa, Storia di una bocconiana redenta (2017), da cui tutto ha avuto inizio, e il mio secondo libro, I coloni dell’austerity (2018), che analizza la storia economica dell’Africa post coloniale rilevando l’evidente parallelismo con quella attuale dell’UE, sono arrivata a una sintesi che raccoglie e rielabora le analisi condotte. INGANNI ECONOMICI, Quello che i bocconiani non vi dicono è un’opera di denuncia del modello unico economico che, con la sua arroganza e presunzione di scientificità, ci tiene assoggettati.

Leggi di più

Site Footer