Pillole economiche

Alcune brevi informazioni e riflessioni sull’andamento dell’economia nostrana e mondiale degli ultimi giorni. Germania. Secondo una fonte governativa si appresta a ridurre la propria stima stima ufficiale sulle crescita del 2019, passando dallo 0,8% allo 0,5%. L’industria tedesca ha registrato un crollo degli ordini del 4,2% a febbraio, registrando il ribasso più forte da due anni. Su base annuale è stata

Continua a leggere

Il vero pericolo per l’instabilità dei mercati è la Germania

E’ un argomento poco trattato dai media nostrani, più interessati ad alimentare la narrazione infondata che contrappone lo stereotipo del tedesco retto e operoso all’italiano fannullone e corrotto. Eppure il vero pericolo per i mercati internazionali non è l’Italia, ma la “virtuosa” Germania. Dopo Fitch anche l’agenzia di rating Standards & Poors ( S&P) declassa Deutsch Bank da A- BBB+. Il

Continua a leggere

M5s-Lega: “Rompere col sistema: la prima mossa da fare”

La mia intervista a LoSpeciale, 14 maggio 2018 Oggi si dovrebbe conoscere il nome del candidato premier del governo giallo-verde. Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno trovato un accordo e non resta che la scelta del premier. Ma il presidente Mattarella vigila o dirige, dipende dai punti di vista. Abbiamo intercettato Ilaria Bifarini, economista, per avere da lei un quadro

Continua a leggere

Accordo Lavoro. “Effetto Euro solo per i tedeschi. Noi in un vicolo cieco”

La mia intervista a LoSpeciale del 15/2/2018   In Germania è stato raggiunto l’accordo sul lavoro: una settimana da 28 ore di lavoro per chi deve assistere parenti e bambini e un aumento in busta paga del 4,3%. Canta vittoria il sindacato tedesco dei metalmeccanici Ig Metall per la vertenza che si è conclusa a Stoccarda. Effetto Trump? Risponde su

Continua a leggere

Perché votare la Merkel non è un buon affare per i tedeschi

Si avvicinano le elezioni in Germania e per la riconferma del quarto mandato della cancelliera Merkel è gia sceso in campo anche il democratico uscente Barack Obama. “Se fossi tedesco voterei per la Merkel”. Non avevamo dubbi che dopo le elezioni inaspettate di Trump alla Casa Bianca l’establishment mondiale difenda con le unghie i suoi ultimi avamposti. Angela Merkel (nome di

Continua a leggere

Site Footer

ILARIA BIFARINI