Dalla questione migranti al decreto dignità: il filo conduttore.

Intervista a Ilaria Bifarini Il Pensiero Forte intervista la dott.ssa Ilaria Bifarini, economista e blogger, laureata alla Bocconi, scrittrice di libri coraggiosi e di successo sul neoliberismo. Dopo il grande successo del primo lavoro “Neoliberismo e manipolazione di massa (storia di una Bocconiana redenta), ha presentato a Roma “I coloni dell’Austerity. Africa, neoliberismo e immigrazioni di massa”. Libro accuratamente studiato

Continua a leggere

Il neoliberismo in un grafico

Esattamente dopo la caduta del keynesismo (1973) e l’affermarsi incontrastato del neoliberismo, si arresta la crescita del reddito del 99% della popolazione più povera e inizia l’inarrestabile crescita dell’1% più ricco. Fino ad arrivare al paradosso di oggi, per cui otto persone detengono la ricchezza di metà della popolazione mondiale.  È questa l’essenza del modello economico neoliberista, oggi applicato su

Continua a leggere

M5s-Lega: “Rompere col sistema: la prima mossa da fare”

La mia intervista a LoSpeciale, 14 maggio 2018 Oggi si dovrebbe conoscere il nome del candidato premier del governo giallo-verde. Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno trovato un accordo e non resta che la scelta del premier. Ma il presidente Mattarella vigila o dirige, dipende dai punti di vista. Abbiamo intercettato Ilaria Bifarini, economista, per avere da lei un quadro

Continua a leggere

Neoliberismo e disuguaglianza

Il problema dell’economia mondiale non è la scarsità delle risorse, ma la mancata redistribuzione. Il grafico indica chiaramente come, nel periodo postbellico, l’applicazione di politiche keynesiane abbia portato  a un incremento sostanziale del reddito del 99% della popolazione mondiale. A partire dalla crisi del 1973, con la caduta del Keynesismo e il definitivo affermarsi delle politiche di tipo neoliberista si

Continua a leggere

La magia tecnica della scienza economica

“Grazie alla sua magia tecnica e alla sensazione di certezza che trasmette, l’assenza economica svolto un ruolo determinante, perlomeno a partire dalla seconda guerra mondiale. Ha fornito il linguaggio con cui discutiamo delle politiche e ha formato la topologia della nostra mappa mentale collettiva. Come disse una volta l’economista Keynes con una famosa frase: “anche l’uomo d’affari più concreto si

Continua a leggere

Site Footer

ILARIA BIFARINI