Finanzcapitalismo: schiavi del debito

“Di tutti i modi per organizzare l’attività bancaria, il peggiore è quello che abbiamo oggi” (Sir Mervyn King, ex governatore Banca d’Inghilterra) Una delle trasformazioni più inumane del sistema capitalistico industriale, fondato originariamente sull’industria manifatturiera e più in generale di produzione, è quella in capitalismo finanziario, in cui il potere è concentrato in pochi grandi istituti di credito. Le banche

Continua a leggere

L’Impero globale del debito

  “Chi muove le trame del sistema economico mondiale generalmente non ha senso di appartenenza nazionale e d’identità culturale; si tratta di individui sradicati, il cui Paese di nascita spesso non coincide con quello di residenza e il cui identificativo si perde dietro codici di conti e partecipazioni cifrati. È il nuovo colonialismo, che per imporre il suo dominio ha

Continua a leggere

Banca Etruria e le vittime del terrorismo finanziario

A poche settimane dalla sua entrata in vigore, il decreto “salva banche” più che salvifico si rivela mortifero. Il terrorismo bancario e finanziario è silente, non ricorre a sparatorie né rivendica gli attentati, ma fa leva sulla vergogna, sull’umiliazione della vittima raggirata che, attraverso il gesto estremo del suicidio, attua la negazione assoluta della realtà. A poche settimane dalla sua

Continua a leggere

Cosa ne sarà delle PMI italiane?

Le piccole e medie imprese rappresentano la quasi totalità delle imprese nazionali, ma il nuovo diktat è una ricerca ossessiva della crescita. Sono ben 4 milioni e 400 mila le piccole e medie imprese italiane (PMI), storico fiore all’occhiello dell’economia nazionale. Un universo vasto e articolato, fatto di imprese a conduzione familiare, piccole eccellenze dell’artigianato locale, aziende enogastronomiche, filiere di

Continua a leggere

Banche Venete: la politica accomodante di #Bankitalia

E’ la storia dell’ennesimo fallimento bancario, con annesso salvataggio statale, un fenomeno per nulla nuovo nel sistema finanziario internazionale odierno. Solo qualche settimane fa il caso analogo di Banco Popular, acquisito anch’esso al prezzo simbolico di un euro da Banco Santander. Ma, al di là del prezzo figurativo comune, la differenza è sostanziale: mentre Banco Santander ha rilevato in toto

Continua a leggere

Site Footer

ILARIA BIFARINI