Dopo Juncker anche la Bonino si preoccupa per il futuro dei migranti

Fortemente destabilizzati per la nascita del nuovo governo giallo-verde, gli oltranzisti dell’accoglienza a tutti i costi gettano la maschera. Dopo Juncker anche la Bonino lancia un monito per la tutela dei diritti dei migranti in Italia! Nell’epoca del neoliberismo globalista, in cui la speculazione sui viaggi della speranza e sull’assistenzialismo agli immigrati prende il posto dell’economia reale di produzione, l’attenzione

Continua a leggere

M5s-Lega: “Rompere col sistema: la prima mossa da fare”

La mia intervista a LoSpeciale, 14 maggio 2018 Oggi si dovrebbe conoscere il nome del candidato premier del governo giallo-verde. Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno trovato un accordo e non resta che la scelta del premier. Ma il presidente Mattarella vigila o dirige, dipende dai punti di vista. Abbiamo intercettato Ilaria Bifarini, economista, per avere da lei un quadro

Continua a leggere

“Qui sarà migrazione e conflitti sociali”- La mia intervista a LoSpecialeGiornale

Vince Orban, Bifarini (economista): “Qui sarà migrazione e conflitti sociali” Politica 9 aprile 2018 | 11:15, Marta Moriconi In Ungheria vince Orban, ossia il no all’immigrazione di massa. Ma l’Italia, che è subalterna all’Europa, ancora attende un governo e la situazione è esplosiva. Lo Speciale ha intervistato Ilaria Bifarini, economista, influencer, autrice al suo secondo libro: ‘I Coloni dell’austerity’, per analizzare

Continua a leggere

Danni austerity noti a FMI: neoliberismo vuole working poors

La mia intervista a Lospeciale del 20 marzo 2018 L’austerity non è la ricetta per uscire dalla crisi. Lo sanno tutti, compreso l’FMI, che però non smette di proporla. In un tweet l’economista e scrittrice Ilaria Bifarini (è in uscita la sua seconda opera dopo il caso editoriale di ‘Neoliberismo e manipolazione di massa”), parla chiaramente di “sadismo” e noi la

Continua a leggere

Accordo Lavoro. “Effetto Euro solo per i tedeschi. Noi in un vicolo cieco”

La mia intervista a LoSpeciale del 15/2/2018   In Germania è stato raggiunto l’accordo sul lavoro: una settimana da 28 ore di lavoro per chi deve assistere parenti e bambini e un aumento in busta paga del 4,3%. Canta vittoria il sindacato tedesco dei metalmeccanici Ig Metall per la vertenza che si è conclusa a Stoccarda. Effetto Trump? Risponde su

Continua a leggere

Site Footer

ILARIA BIFARINI